• Alberobello

    Storia Read More
  • Cultura

    Associazioni culturali, Gastronomia, Sport... Read More
  • 1
  • 2
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

scamorza

Il nome di "scamorza" deriva quasi sicuramente dal verbo “scamozzare” che significa capitozzare e cioè togliere una piccola porzione nella parte superiore, infatti la forma ricorda appunto quella di un formaggio decapitato.


Il formaggio ha infatti una forma a pera, con una lieve strozzatura nella parte superiore in modo da formare una protuberanza denominata “testa”,  di piccolo peso ed oscillante tra i 300 e 500 grammi.
La scamorza ha pasta bianca, compatta, burrosa, senza occhiature e senza raggiungere la tenerezza della mozzarella.
La tecnologia di produzione è simile a quella della mozzarella, ma presenta alcune variazioni, introdotte per ottenere un prodotto più consistente, conservabile più a lungo; può infatti presentare un breve ciclo di maturazione fino a 1-2 settimane.
Ottenuta da latte crudo, con procedura tradizionale, prevede la fermentazione naturale della cagliata acificata con siero innesto di una lavorazione precedente.
La scamorza fresca è ricavata e messa in vendita in giornata, si presenta senza ancora una crosta, di colore bianco latte, con una consistenza morbida e un sapore molto fresco.
Col passare dei giorni si forma una sottile crosta, di colore bianco prima e giallo paglierino poi.
È ottima sia da mangiare cruda che cotta per insaporire i piatti con la sua caratteristica filatura.

 Sitografia www.caseificiomalu.it

Si Ringrazia il Sig. Sante Lucarella per aver concesso l'uso delle sue "Ricette Casearie"

Potrebbe interessarti anche...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo accetti qualunque suo elemento ed acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione: