• Alberobello

    Storia Read More
  • Cultura

    Associazioni culturali, Gastronomia, Sport... Read More
  • 1
  • 2
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
die musik macht frei 8 agosto 2011Lunedì 8 agosto ore 20.30 Piazza Ferdinando IV, Casa D'Amore - Alberobello (Ba)

A cura di: Amministrazione Comunale - Sylva - Museo del Territorio - Nocicinema -  i Presidi del libro - A.M.A.


DIE MUSIK MACHT FREI  -  Rassegna di corto-DOC dedicati alla guerra

Introduce
Angelo Iacovazzi (giornalista)

"Prima di tutto l'uomo"
di Elio Scarciglia

Uerra
di Paolo Sassanelli

Dacahulied
di Rina La Gioia

interverranno gli autori
prima di tutto-luomo scarciglia Locandina uerra loc paolosassanelli

Una rassegna di cortometraggi sul tema della guerra

Al via la rassegna dei cortometraggi, interamente girati nella nostra bella Puglia, che avrà come tema principale la dura realtà della guerra e del periodo postbellico. Una delle più suggestive piazze di Alberobello, piazza Federico IV, farà da palcoscenico alla serata in cui saranno proiettati “Uerra” di Paolo Sassanelli, “Prima di tutto l’uomo” di Elio Scarciglia e “Dachulied” di Rina La Gioia e Christian Palmisano.

Luca De Felice, Presidente dell’Associazione Sylva Tours and Didactics e organizzatore dell’evento, spiega che il titolo della rassegna si riferisce al ruolo della musica nelle esperienze di reclusione di due deportati: Charles Abeles deportato nel campo di Alberobello e Herbert Zipper rinchiuso nel campo di Dachau. E partirà dall’analisi delle conseguenze della guerra e dagli umori determinati dal conflitto mondiale.

L’obbiettivo della manifestazione è approfondire il legame tra arte e sofferenza durante gli anni di reclusione nei campi di internamento, alla luce delle testimonianze raccolte nei corti e comprendere il ruolo della ex Fondazione Gigante, alias Casa Rossa Alberobello.

Al giornalista Angelo Iacovazzi sarà affidata la presentazione della rassegna con inizio lunedì 8 agosto 2011, alle ore 20.30.

Una serata da non perdere.

GIUSEPPE PALMISANO

Potrebbe interessarti anche...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo accetti qualunque suo elemento ed acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione: