• Alberobello

    Storia Read More
  • Cultura

    Associazioni culturali, Gastronomia, Sport... Read More
  • 1
  • 2
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

santi_del_giorno_presentazione"I santi del giorno": nuovo libro di mons. Ruppi

“I santi del giorno” è il titolo del volume che raccoglie le vite dei santi scritte da mons. Cosmo Francesco Ruppi, arcivescovo emerito di Lecce, e lette ogni giorno al termine del primo giornale radio RAI, alle 5 e 30 del mattino. Il testo, edito da Edizioni il Messaggero, è stato presentato ieri presso la nostra emittente. C’era per noi Debora Donnini:

Da 4 anni ogni mattina al termine del giornale radio delle 5 e 30 di Radio 1, mons. Cosmo Francesco Ruppi propone la vita del santo del giorno. Si tratta di sintetizzare la storia di un’esistenza che ha segnato anni, in 15 righe, un minuto scarso. Un’impresa difficile, dice Filippo Anastasi, vicedirettore del giornale Radio 1, oggi raccolta in un libro con 365 vite dei santi del giorno. A mons. Ruppi abbiamo chiesto quale il messaggio che si vuole dare:

“Che la santità è possibile, che la santità appartiene a tutti, uomini e donne, vecchi e bambini, ed è fondata sulla preghiera, sulla carità, sull’obbedienza della fede. Oggi si parla di molte cose sporche, si parla di molte cose nefande, ma si parla poco di santità, dobbiamo parlare di più di santità perché la santità è il patrimonio più grande santi_del_giorno183x300che il Signore ha dato attraverso il paraclito alla Chiesa”.

Mai come oggi è necessario parlare dei nostri fratelli che sono modelli di santità, ha detto alla presentazione del volume il cardinale José Saraiva Martins, prefetto emerito della Congregazione delle Cause dei Santi. Rispondendo alle domande dei giornalisti sulla beatificazione di Giovanni Paolo II il prossimo primo maggio, il porporato ha affermato che si tratta di una data importante non solo perché coincide con la Festa della Divina Misericordia ma anche per il legame con Maria. Sentiamo lo stesso cardinale Saraiva Martins:

“Io trovo provvidenziale che la beatificazione avvenga il primo maggio perché lui era un Papa profondamente mariano, era un grandissimo devoto della Madonna di Fatima. Orbene, maggio è il mese di Maria e il mese di Fatima, le apparizioni sono cominciate il 13 maggio. Lui ha detto che la sua guarigione, il fatto di non essere morto lo deve alla Madonna di Fatima che ha deviato - dice lui - la pallottola”.

E alla beatificazione, ha aggiunto il cardinale Saraiva Martins, si attendono tra i due e i due milioni e mezzo di persone.(bf)

Sitografia: http://www.radiovaticana.org

Potrebbe interessarti anche...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo accetti qualunque suo elemento ed acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione: