• Alberobello

    Storia Read More
  • Cultura

    Associazioni culturali, Gastronomia, Sport... Read More
  • 1
  • 2
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

locandina 2015

ALBEROBELLO CITTA’ REGIA

Un parlamento composto dai capi-famiglia elegge il Sindaco. Il Re Ferdinando IV ha stabilito che si possano costruire case senza nessun impedimento del Conte di Conversano.

… A partire dal 1600 si trovano riferimenti a un “abitato di oltre quaranta di così fatte caselle di base tonda e terminanti a cono e di altrettanti rusticane famiglie”.

Alla stessa epoca risalgono le notizie di primi religiosi officianti nei giorni festivi in una chiesa sita probabilmente nel luogo dell’attuale Chiesa dei Santi Medici.

E’ certo che furono i Conti di Conversano a condurre nella selva di Alberobello, “gente di Noci e da altri loro feudi, per coltivarla lasciando sorgere grezzi casolari o caselle senza darne padronanza. E si sa che uno dei motivi onde vietarono da prima ogni maniera di fabbricare a calce per il potere e loro voglia di arbitrio spellarono il colono dirupando il tugurio…”.
Il numero dei coloni che si trasferirono nel piccolo villaggio aumentò considerevolmente per il vantaggio di “essere immuni da pesi” e per “le franchigie” che il barone loro assegnava e per gli usi civici che  si esercitavano in quelle e nelle terre contigue.
Con l’elevazione a “città regia”, Ferdinando IV impone la “numerazione dei fuochi”, dando la possibilità di convocare un parlamento composto dai capi-famiglia per eleggere un Sindaco. Il Re stabilì, inoltre, che si potessero costruire case nel modo più comodo ai cittadini senza nessun impedimento del Conte di Conversano.
Nel 1797 Francesco D’Amore costruì la sua casa “in cotto” a due piani. Sulla facciata si poteva leggere: “ex auctoritate regia hoc primum erectum” (da Memorial di M. Contento).

Diversi sono i quadri scenici che animeranno questa Rievocazione:

IL DISPACCIO REGIO E LA FESTA – Il quadro scenico rievocativo rappresenta il momento in cui, alla notizia dell’arrivo del Dispaccio Regio, il popolo si stringe attorno ai sette liberatori per festeggiare l’evento e si organizza su ciò che si dovrà fare da quel momento in poi.
2 – IL BANCHETTO DEI FESTEGGIAMENTI – “A tavola come una volta” rappresenta un momento di festa e coinvolgimento degli ospiti presenti. Sarà allestita un’unica e grande tavolata popolare dove i figuranti in costume animeranno la serata con brindisi, canti, danze e musica e serviranno i commensali. I cibi tipici di un tempo saranno preparati da uno chef del luogo e verranno serviti in un piatto in ceramica che sarà donato ai commensali al termine della cena.
La tavolata sarà allestita in due fasce orarie e sarà possibile prenderne parte soltanto previa prenotazione. ( http://www.artecalberobello.it/prenotazioni/).
Due sono i menu tra cui sarà possibile scegliere:
MENU ADULTO – € 15,00 a persona
Antipasti: focaccina fritta (con o senza ricotta forte),polpette di pane e uova, zucchine alla poverettta
Primi piatti: purè di fave bianche, timballo di cicorie.
Secondi piatti: involtini di trippa, scamorza fresca
Frutta
Dessert: pettole
Digestivo: rosolio
Bevande: 2 bicchieri di vino
MENU BAMBINO – € 7,00 a persona
Antipasti: Focaccine fritte, polpette di pane e uova.
Secondi piatti:salsiccia, scamorza
Frutta
Dessert: pettole
Bevande: acqua

3 – LA FIERA PAESANA – Questo quadro vedrà i figuranti riprodurre gli antichi mestieri artigianali e contadini dell’epoca rappresentando momenti della vita quotidiana.
4 – TORNEO DEI SETTE LIBERATORI – Rievocazione dei giochi dell’epoca in cui ogni monte vedrà la rappresentazione di un gioco diverso. Il torneo si concluderà con un confronto finale tra le due squadre migliori e la proclamazione di un vincitore.
5 – LA GRANDE FESTA – Tutti gli ospiti presenti saranno coinvolti in uno spettacolo popolare all’insegna della musica e della danza con pizzica, tarantelle e quadriglia.
6 – GLI ARTISTI PER STRADA – Entrambe le serate vedranno la presenza di artisti per strada ai quali sarà data la possibilità di esibirsi indossando abiti storici. A loro il compito di animare le viuzze del centro storico con danze, musiche e attrazioni.

Fonte: http://www.artecalberobello.it/it/rievocazione-storica/edizione-2015/

Potrebbe interessarti anche...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo accetti qualunque suo elemento ed acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione: