• Alberobello

    Storia Read More
  • Cultura

    Associazioni culturali, Gastronomia, Sport... Read More
  • 1
  • 2
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

domenico_morea__thumb1833 - 1902

Nato nel 1833 ad Alberobello da modesti genitori, Domenico Morea frequentò le scuole elementari nel paese d'origine, ma prosegui gli studi nel Seminario Convento dell'Osservanza di Botrugno (Lecce), nel Se­minario di Conversano, quindi nell'Abbazia di Monte-Cassino. Consacrato sacerdote nel 1856 a Napoli, si tra­sferì presso l'Università Pontificia di Roma per comple­tare la preparazione filosofica e teologica. A Conversa­no trascorse oltre quaranta anni della sua vita; nomina­to dapprima docente di Teologia Dogmatica, assunse a soli 28 anni la Direzione del Ginnasio-Liceo del Seminario - collegio Vescovile.

Numerose e pregevoli le sue pubblicazioni, quali / classici antichi nelle tradizioni d'Italia e della Chiesa, Le Co­lonie e la Chiesa, Iddio nella Scuola, Discorso sugli studi, e, soprattutto, il Chartularium Cupersanense, opera, que­st'ultima, di trascrizione e interpretazione paleografica di notevole valore documentario, ancora oggi oggetto di indagine critica e strumento di consultazione da par­te di studiosi del medioevo pugliese e della storia poli­tica, civile e religiosa dell'Italia Meridionale. Morì nel 1902 a Conversano lasciando un ricordo indelebile del suo sacerdozio integerrimo, tutto proteso alla formazio­ne spirituale e all'elevamento spirituale di coloro che erano affidati alle sue cure di educatore.

Risale al 1886 la pubblicazione di quest'opera per i Tipi di Rinaldi e Sellito di Napoli.

La Direzione del Santuario ha desiderato la ristam­pa, sicura di poter offrire alla comunità parrocchiale, cittadina e diocesana, ai devoti, agli studiosi, un docu­mento di grande interesse storico-religioso, che mantie­ne intatta l'originalità, rivela la straordinaria tempra spirituale e intellettuale dell'autore e mette in luce l'at­tualità teologica e pastorale dell'antico e fervido culto popolare per i Santi Martiri Cosma e Damiano.

Potrebbe interessarti anche...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo accetti qualunque suo elemento ed acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione: