• Alberobello

    Storia Read More
  • Cultura

    Associazioni culturali, Gastronomia, Sport... Read More
  • 1
  • 2
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 


shoah2I ‘giorni della memoria’ sono un’occasione di riflessione e di incontro con la storia, con la natura senza precedenti dell’olocausto e delle sue implicazioni.
Il progetto “il canto nelle tenebre” nasce dall’incontro tra il gruppo musicale VENTANAS (guidato dal contrabbassista Vito M. Laforgia) e l’attore triestino Alessandro Mizzi, per dar vita ad un reading musicale basato sulla lettura di alcuni passi tratti dal libro “In quelle tenebre” (Intervista ad un comandante di un campo di sterminio nazista) scritto dalla giornalista e storica di origini ungheresi Gitta Sereny.
Il caso di Franz Stangl, comandante del campo di concentramento di Treblinka: una sconvolgente indagine che rompe il silenzio sull'organizzazione dei campi di sterminio, e sulle complicità che hanno aiutato molti responsabili a fuggire. Apparso per la prima volta nel 1974, «In quelle tenebre» si fonda sui lunghi colloqui che la Sereny ebbe nel 1971 con Franz Stangl nel carcere di Düsseldorf.

La scrittrice, in seguito, ho voluto controllare in ogni particolare la testimonianza di Stangl, attraverso un meticoloso e testardo lavoro d'incastro, ha interrogato la moglie e le figlio, ha seguito le tracce di molti colleghi di lui nelle SS, infine ha ritrovato i pochissimi sopravvissuti di Treblinka, che qui rievocano la famosa rivolta del campo.

La narrazione della tragedia dei campi di sterminio, vista dalla parte degli aguzzini, svela risvolti poco noti sulla condizione umana dei protagonisti dell’olocausto, mentre la musica crea un doppio pianio d’ascolto, dove il suono si contrappone alla parola e diventa tentativo di risposta e spunto di riflessione.


Il percorso musicale proposto prende spunto e si ispira all’intuizione del grande musicista ebreo-statunitense Jhon Zorn che, con il progetto Masada, ha creato un punto di incontro, senza precedenti, tra il jazz e la musica della tradizione ebraica con un repertorio che, partendo dalla tradizione, arriva all’attualità, attraverso un trasversale flusso migratorio di suoni.


SPETTACOLO RIENTRANTE NEL PROGRAMMA DEL 'MESE DELLA MEMORIA' PROPOSTO DAI PRESIDI DEL LIBRO.

vito m. laforgia - contrabbasso
vittorio gallo - sax
adolfo la volpe - chitarra/oud
giacomo mongelli - percussioni
alessandro mizzi - voce recitante

Potrebbe interessarti anche...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo accetti qualunque suo elemento ed acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione: