• Alberobello

    Storia Read More
  • Cultura

    Associazioni culturali, Gastronomia, Sport... Read More
  • 1
  • 2
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

panareseANGELO PANARESE

Nasce ad Alberobello il 18 febbraio del 1952, e qui frequenta le elementari e le medie, il Liceo classico “Tito Livio” a Martina Franca. Laureato in Lettere e Scienze Politiche, insegna nella Scuola Media Superiore. É Dottore di Ricerca presso la facoltà di Scienze Politiche di Bari, dove collabora con la prof.ssa Franca Maria Papa.

Una giovinezza spensierata nel suo paese con i suoi tanti amici, poi compagni e avversari, ma mai nemici, anche in politica. L’amore per lo sport e per il calcio in particolare lo portano a calcare i campi di Prima Categoria della Regione con l’A. S. Alberobello. Considerato un’autentica “promessa” del calcio alberobellese militò anche nel Martina che giocava in C1. Una stagione felice, piena di sogni, ma breve. La morte del genitore lo spinse di colpo nel mondo dei grandi, in quello della maturità, degli obblighi e degli impegni, dello studio e del lavoro.

Durante il periodo di formazione universitaria, ha lavorato presso il Carcere “Nicola Fornelli” di Bari, prima come Animatore Culturale e successivamente come Educatore.

Eletto Consigliere comunale nel 1975 (a 23 anni), ha svolto, ininterrottamente fino al 2006, varie funzioni: Consigliere, Assessore, Vice-Sindaco; Sindaco (dal 1994 al 2001), Presidente del Consiglio Comunale, Candidato per l’Ulivo alle Elezioni della Camera dei Deputati (2001). Ha ricoperto vari incarichi nella ex USL BA5. È stato eletto per tre volte Consigliere nel Consiglio di Amministrazione della BCC di Alberobello, dove ha svolto anche la funzione di Vice-Presidente negli anni 1993-1994.

La sua esistenza si intreccia con quella del PCI, vissuto come grande partito di massa e soggetto politico fondamentale nella scoperta di una via originale al Socialismo, sulla base della tradizione marxista, gramsciana e togliattiana. La “virtù” politica e lo studio delle età passata, moderna e contemporanea hanno sempre suscitato il suo piú vivo interesse. La Scienza Politica, come Arte del Buon Governo, ha sempre rappresentato lo strumento di comprensione e di modificazione della realtà. Esempio concreto di questa “visione politica” risulta la sua prima Amministrazione Comunale: coraggiosa, garibaldina, innovativa … Fino a portare, nel 1996, al riconoscimento della nostra Alberobello a Patrimonio Inestimabile dell’Umanità da parte dell’UNESCO. Questo può essere considerato il lascito storico, politico, spirituale piú importante del Nostro per la sua terra e per la sua città. Nascono da queste esperienze tutte le opere di carattere sociologico, economico, politico, filosofico e storico che ha sin qui pubblicato. Il Sindaco Longo e il parroco don Beppe Frugis chiudendo la manifestazione hanno sottolineato la valenza del Premio che mostra le intelligenze che onorano la nostra città.

 

Potrebbe interessarti anche...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo accetti qualunque suo elemento ed acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione: