• Alberobello

    Storia Read More
  • Cultura

    Associazioni culturali, Gastronomia, Sport... Read More
  • 1
  • 2

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Gianfranco_Mai_thumbIn tutte le compo­sizioni di Gianfran­co Mai si percepi­sce un' esperienza si ngolarissi ma, i I tra­vaglio di una nuo­va sensibilità, che attraverso il figura­tivo esprime la bel­lezza e la verità delle cose. Nei lavori in cui l'ispirazione è lega­ta alla condizione umana e sociale del­le Murge dei Trulli, il Mai si rivela un artista versatile, in grado di cogliere e descri­vere, con

caldo sentire e lucido spirito, l'ani­ma e l'ambiente della gente murgese. Egli si sofferma, soprattutto, a riprodurre il modo di vivere semplice ed essenziale della classe con­tadina, di cui conosce pregi e difetti, debolezze e virtù, problemi e bisogni, miseria e super­stizioni.

Il Mai non travisa la realtà. Nei suoi lavori, an­zi, ripropone al vivo la dimensione autentica della civiltà murgese, che soltanto ai pigri o ai superficiali risulta all'apparenza diversa da quella riprodotta dall'artista. La sensibilità del Mai, che è insieme angoscia interiore e sfida alle convenzioni, si muove in sintonia col modo di essere dei contadini murgesi, che hanno l'innata capacità di scegliere e vivere i propri sentimenti in proporzione alle fatiche determinate dalla trasformazione del cal­care murgese in humus fecondo. Per questo nelle composizioni del Mai le stesse zone ste­rili e selvagge, dove si ramificano a tentacoli e spine i fichidindia, lo stesso caldo secco e la stessa infocata petraia, dove si stagliano e si rincorrono i trulli agili e freschi, acquistano una dimensione umana.

Tale dimensione di vita, che l'artista conosce e possiede come una seconda natura, è resa tangibile in ogni composizione con le variazio­ni cromatiche della luce che domina e dei colori che risplendono. Per cui il paesaggio riflette ogni volta la forza del lavoro umano, e le figure umane rivelano una temperie primitiva, quasi selvaggia, incline a vedere nelle soluzioni di lotta l'unica alternativa alle precarie condizioni di vita.

Quando lo stato di tensione implica una scelta in direzione dell'amore e della dedizione asso­luta, come nelle contadine murgesi, le quali sotto la patina di candore e di ingenuità na­scondono qualcosa di femminilmente avido, che il lavoro in comune nei campi e nei trulli porta nel profondo all'esasperazione, Gianfranco Mai appare indeciso o indifeso, o almeno restio ad esprimere con compiutezza istinti e motivi lon­tani dal suo sentire e dal suo linguaggio. Questa situazione di incomunicabilità, che per altro stimola la nostra intelligenza e la nostra ricerca, è di riflesso un valido indizio della ma­turità e dell'impegno espressivo dell'artista. Gianfranco Mai si conferma, cosf, il pittore più acuto e congeniale alla civiltà murgese, rece­pita in tutti i suoi risvolti. La sua logica in con­tinua evoluzione e il suo linguaggio fresco e vivo, che la fantasia non riesce a travisare, pur esaltandone cromaticamente i significati, costi­tuiscono la più stimolante figurazione dei con­tenuti culturali, che caratterizzano il patrimo­nio comune delle Murge dei Trulli.

Michele Pizzigallo

Antichi_Trulli_Gianfranco_Mai_thumb Estate_in_Puglia_Gianfranco_Mai_thumb E_subito_sera_Gianfranco_Mai_thumb La_raccolta_delle_mandorle_Gianfranco_Mai_thumb Ottobre_in_Valle_DItria_Gianfranco_Mai_thumb

Biografia

GIANFRANCO MAI è nato a Lodi nel 1940. Ha frequentato la Scuola d'Arte di Augusto Colombo e la Scuola libera del nudo presso l'Accademia di Brera.

Opera a

— Milano, via Luigi Biraghi, 29;

— Alberobello, via Massimo D'Azeglio, 19.

Hanno parlato di lui:

Nori Andreini Galli, Nicola Ardito, Franco Ceriotto, Ignazio Marmino, Mario Lepore, Luigi Pasotelli, Mario Portalupi, Gino Traversi, Dina Villani.

È citato in:

— Enciclopedia d'Arte S.E.D.A., 1969;

— Catalogo Comanducci,   1972;

— Catalogo Bolaffi,   1972.

Alcuni riconoscimenti:

— II Premio di pittura ' Aldo Rossini ' - Mi­lano, 1969 - I Premio;

— Premio Livia Magrini Montani per costruen-da Galleria d'arte - Lodi, 1970 - I Premio ex-aequo;

— II Edizione Premio Nazionale ' Subbio 70 ' - Rho, 1971 - II Premio;

— V Edizione Premio Nazionale ' Portici di Cormano ' - 1972 - I Premio;

— Estemporanea ' Naviglio a Milano ' - 1972 -I Premio ex-aequo.

Potrebbe interessarti anche...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo accetti qualunque suo elemento ed acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione: