• Alberobello

    Storia Read More
  • Cultura

    Associazioni culturali, Gastronomia, Sport... Read More
  • 1
  • 2
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

concerto-sol-maggioreCONCERTO IN SOL MAGGIORE PER GIARDINO D'INFANZIA di Andrea Camarossa - TEATRO

ANTEPRIMA NAZIONALE

21 luglio 2012 ore 20,45 - Laboratorio Urnabo Alberobello


Con: Mariangela Dragone, Patrizia Labianca, Dino Parrotta.
Costumi: Silvia Cramarossa. Organizzazione: Coop. Verderame. Maschere realizzate da Luigia Bressan.
Drammaturgia e regia: Andrea Cramarossa.

Tre orfani, ormai diventati adulti, continuano ad abitare nell’orfanotrofio che li ha visti crescere. Da sempre, nella soffitta dello stabile, si rintanano durante le ore notturne, per mettere in scena i loro desideri e i loro sogni ma anche i loro incubi. Una riflessione sul senso dell’assenza e della presenza, sull’essere scelti e sull’essere abbandonati.

In collaborazione col Festival Collinarea 2012.
Si ringraziano Primo Teatro e Teatro Osservatorio.

ANTEPRIMA NAZIONALE

Con: Mariangela Dragone, Patrizia Labianca, Dino Parrotta.
Costumi: Silvia Cramarossa. Organizzazione: Coop. Verderame. Maschere realizzate da Luigia Bressan.
Drammaturgia e regia: Andrea Cramarossa.

Tre orfani, ormai diventati adulti, continuano ad abitare nell’orfanotrofio che li ha visti crescere. Da sempre, nella soffitta dello stabile, si rintanano durante le ore notturne, per mettere in scena i loro desideri e i loro sogni ma anche i loro incubi. Una riflessione sul senso dell’assenza e della presenza, sull’essere scelti e sull’essere abbandonati.

In collaborazione col Festival Collinarea 2012.
Si ringraziano Primo Teatro e Teatro Osservatorio.

-----------------------------------------------------------------------------------

IN BREVE
Un utero buio alla fine del mondo, un buco al limite dell’esistente, un girone dell’inferno dove tre personaggi si ritrovano puntualmente per fuggire, attraverso i loro racconti, all’incubo perenne dell’abbandono. Si confessano, parlano, litigano nella soffitta dell’Istituto che li accoglie da sempre: sono tre orfani, tre figli di Enne Enne, tre nessuno. Non sono mai stati scelti, non hanno mai provato l’emozione del ritorno ma hanno sempre visto, da lontano, i fortunati superare quel confine tra il dentro e il fuori. Probabilmente, i tre, non sono mai stati scelti perché esseri nati con malformazioni fisiche. Vivono tutta la loro esistenza in questo budello, che è l’Orfanotrofio, sublimando la loro sofferenza con racconti fantastici e reali.
L’utero, lo spazio scenico, diventa una enorme, spaventosa, macelleria dove gli incubi diventano realtà. Cosa ha reso questa umanità così irrimediabilmente contraddittoria e feroce è difficile da dire: il deteriorarsi dei rapporti umani và al di là della semplice sopravvivenza e si traduce nel più convenzionale sentimento d’odio e di insofferenza verso l’altro, quel prossimo che con la sua sola presenza toglie qualcosa a qualcun altro, solo per rappresentare un sé differente. Liberamente ispirato a “Porta chiusa” di Sartre, “Concerto in sol maggiore per giardino d’infanzia” è un lungo racconto sull’eternità e sul senso di abbandono e di perdita vissuto con tragicità.

LO SPETTACOLO
L’utero pieno di carne è sovraffollato di incubi rappresentati da quarti di bue, frattaglie, cuori, arti. Scarti e resti dell’umanità. I tre personaggi si muovono al buio, a tentoni cercano di ritrovarsi e ritrovare una via d’uscita, l’ennesimo parto che giustifichi il loro concepimento. Pochi elementi scenici di supporto agli attori commentano la solitudine della nascita nel buio di uno sguardo chiuso: la non-luce, torna come elemento di studio e di ricerca espressiva laddove l’annullamento del tangibile lascia il posto alla logica della follia. I tre personaggi, nella soffitta dell’edificio, sono muniti solo di torce elettriche e le useranno all’occorrenza, giocando continuamente col buio, fino a svelare il vero interno in cui si muovono, l’immensa macelleria alla quale daranno il beneficio della purificazione attraverso il fuoco, che brucerà le loro anime e le loro vite.

INGRESSO: 7 €

L’accesso è riservato ai Soci dell’Ass.ne Cult. PICCOLA BOTTEGA POPOLARE.
È possibile tesserarsi la sera dei singoli appuntamenti. Il costo della tessera è di € 3,00.

INFO:
G-LAN Alberobello
C.da Pudicino, 16 - Alberobello (BA)
tel. 080.4325680
www.g-lan.it

PBP - Piccola Bottega Popolare
tel. +39 3398987178

Fonte da cui è tratto l'articolo
CONCERTO IN SOL MAGGIORE PER GIARDINO D'INFANZIA di Andrea Camarossa - TEATRO

Potrebbe interessarti anche...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo accetti qualunque suo elemento ed acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione: