• Alberobello

    Storia Read More
  • Cultura

    Associazioni culturali, Gastronomia, Sport... Read More
  • 1
  • 2
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Bruno-DeLuca

49° e 50° Sindaco

Bruno De Luca nasce ad Alberobello nel 1952, consegue la Maturità classica. In quegli anni concilia lo studio con l'hobby per la musica, partecipando come chitarrista al gruppo musicale de " I Macroscopici".

Nello stesso periodo scopre la sua vocazione politica, iscrivendosi prima alla Federazione giovanile socialista di Alberobello, per poi militare intorno agli anni '70 nel gruppo politico extraparlamentare de Il Manifesto, per il quale parteciperà attivamente alla sua prima campagna elettorale nelle Elezioni Politiche del 1972, non ancora maggiorenne. Intanto è iscritto alla Facoltà di Lettere presso l'Università di Bari.
 

Nel 1974 si sposa con Micla Bernocco, e si laurea in Lettere, indirizzo storico-moderno, con una Tesi dal titolo "Scambio ineguale e teoria del valore", in cui tratta il problema del rapporto tra sviluppo e sottosviluppo nell'economia mondiale. Nello stesso anno rientra nel Partito Socialista Italiano, iscrivendosi alla sezione di Alberobello e partecipando, in qualità di componente del Comitato elettorale sezionale alle prime Elezioni Amministrative.

Nel 1978 ricopre la carica di Segretario cittadino del PSI. Nel 1980, risulta primo degli eletti con più di 400 voti di preferenza nel Consiglio Comunale, ove svolgerà il ruolo di Capogruppo consiliare nello schieramento di opposizione.

Nel 1985, si ripresenta alle Amministrativecome capolista del PSI , conseguendo un ottimo risultato politico (circa 700 voti di preferenza). Conduce il PSI di Alberobello dopo più di 20 anni di opposizione, al governo della città con la DC e la lista laica, conservando però il suo ruolo di Capogruppo consiliare. Ma anche questa esperienza di collaborazione e di Governo con la Dc si esaurisce in tempi brevi, cosicché tra la fine del '86 e gli inizi del '87 il PSI ritorna al ruolo di opposizione, che manterrà fino alle successive Elezioni del 1990. Anche in questa circostanza è capolista del PSI che aumenta ancora i seggi in consiglio Comunale portandoli da quattro a cinque. Personalmente raggiunge i 900 voti di preferenza risultando il 1° degli eletti e per la prima volta entra in giunta come vicesindaco ed assessore ai lavori pubblici, al turismo ed agli affari generali, impegnandosi soprattutto nel completamento di due strutture pubbliche incompiute da diversi anni, la scuola elementare e la scuola materna di via Barsento, riesce a scovare in un vecchio deposito e recuperare gli antichi lampioni artistici, che saranno installati in piazza Di Vagno, e dai quali si potrà poi fondere il modello, utilizzato per il completamento dell'illuminazione di tutto il corso e di piazza del Popolo. Porta all' approvazione unanime del Consiglio il 1° Statuto Comunale, collabora attivamente con tutte le associazioni culturali, con la Pro Loco, e la Federazione dei Commercianti per assicurare una serie di manifestazioni utili, tra le quali va ricordata in particolare l'unica rappresentazione lirica mai organizzata ad Alberobello. Con la partecipazione di una compagnia della Moldavia, fu messa in scena "L'Aida" di Giuseppe Verdi.

Nel 1992, poco prima che la bufera di Tangentopoli si abbatta sul sistema dei partiti, comunica le sue irrevocabili dimissioni dalla carica di vicesindaco ed assessore, rimanendo consigliere fino allo scioglimento anticipato della legislatura dell'autunno del 1993. A questo punto e dedica il suo impegno alla professione, svolgendo la funzione di vicepreside della Scuola Media Luigi Tinelli, ove è titolare della cattedra di Lettere dal 1982.


Tra il '96 ed il '97 contribuisce alla riorganizzazione della sezione locale dei socialisti, in rappresentanza dei quali partecipa alla tornata amministrativa del 1998, con la Lista dell'Ulivo, risultando secondo degli eletti con 372 voti di preferenza.

Il Sindaco Panarese gli affida il delicato compito di collaboratore vicario, con deleghe all'Urbanistica, al Personale ed agli Affari Generali: Nei tre anni e mezzo del suo mandato, porta all'approvazione del Consiglio Comunale tutti i Piani attuativi del vecchio PRG: P.P. C25, C26 di Villa Curri, P.P. di Coreggia , P.d.R. A23 di Via Monte Grappa, B12 e B13 di Via Trieste e Trento, Via Cesare Battisti, PdL Zona produttiva di Via Mottola, PdL Molino Lippolis, Pdl per la residenza turistica di Bosco Selva, Progetti di sviluppo per le Cooperative edilizie in Via Barsento.

Nel settore degli Affari generali, predispone e porta all'approvazione del C.C. il nuovo Regolamento per il funzionamento degli uffici e servizi comunali, le modifiche allo Statuto, con le quali viene introdotta la figura del Presidente del Consiglio distinto dal Sindaco, e soprattutto, dopo oltre trent'anni, il nuovo Regolamento del Consiglio Comunale. Nel settore del Personale, infine, riduce la spesa dal 45% al 35% rispetto alla spesa corrente, mantenendo inalterato il livello di produttività ed efficienza dei servizi offerti alla cittadinanza.

Nell'inverno tra il 2001 ed il 2002 matura la sua candidatura , quale candidato Sindaco per l'intera coalizione di Centrosinistra alle Elezioni Amministrative del 27 Maggio 2002, dalle quali esce eletto con oltre il 53% dei voti.

Nel corso della pregressa legislatura amministrativa, 2002-2007, la Giunta Comunale presieduta dal sindaco prof. Bruno De Luca, ha ultimato tutta una serie di opere pubbliche progettate dagli esecutivi a lui precedenti; e ha avviato iniziative progettuali finalizzate alla realizzazione di nuove opere pubbliche.
Tra le opere completate vanno ascritte:
· la conclusione dei lavori relativi al Palazzetto dello Sport;
· la piazzetta di Coreggia;
· le palestre dei plessi scolastici:“Giuseppe Guarella”, Cosima La Sorte e Domenico Morea;
· la sistemazione del tratto della circonvallazione di Viale Einaudi
· degli 8 Km di strade rurali;
· di ulteriori interventi di miglioramento dell’arredo urbano esistente;
· dell’eliminazione delle antenne dai trulli;
· dell’ampliamento delle reti di metanizzazione e fognante e dell’impianto di pubblica illuminazione per complessivi 3 milioni di € per Alberobello e Coreggia.
Nell'ambito inoltre della tematica relativa alla sicurezza del personale scolastico si è posta particolare attenzione per la realizzazione di interventi strutturali finalizzati alla manutenzione straordinaria dei plessi scolastici.
Si è inoltre valorizzata e potenziata la proposta culturale riaprendo il Museo del Territorio e istituendo il centro di documentazione Gianpiero De Santis. Per quanto riguarda il miglioramento e l’arricchimento dell’offerta turistica nazionale ed internazionale particolare ruolo hanno ricoperto i festeggiamenti del Decennale del riconoscimento UNESCO, il Gemellaggio con la città di SHIRAKAWA-GO, anch’essa sito UNESCO e l’incremento costante delle presenze turistico-alberghiere grazie anche all’aumento delle strutture ricettive con la possibilità effettiva di posti letto di circa un migliaio di unità.

Per quanto riguarda il settore agricolo particolari rilievi vanno riservati:
· al finanziamento del P.O.N. Leader II per 2 milioni di Euro;
· all’apertura in via Col di Lana della sede del gruppo di azione locale G A L “Terra dei Trulli e del Barsento" per lo sviluppo agricolo dei territori di Alberobello, Noci, Gioia del Colle e Sammichele.

Nei trascorsi cinque anni di attività amministrativa della Giunta Comunale presieduta dal sindaco prof. Bruno De Luca, particolare attenzione si è riservata alla dimensione della collaborazione con le istituzioni culturali, sindacali, sportive e di categoria locali nella realizzazioni di eventi e manifestazioni significative volte al coinvolgimento di giovani, anziani e delle fasce più deboli della nostra comunità.

Per quanto riguarda la politica fiscale il nostro Comune si è distinto rispetto a quelli limitrofi per non aver applicato l'addizionale IRPEF COMUNALE e per aver stanziato in bilancio più risorse per i settori: culturale, servizi sociali, istruzione e turismo e per aver ridotto i costi di gestione dell’attività politio-amministrativa riducendo l’indennità spettante al primo cittadino per l’anno 2006 da 750 € a 650 € pari riduzione degli emolumenti ha interessato gli assessori componenti la Giunta esecutiva.

A coronamento di quanto affermato va aggiunto che il Sindaco prof. De Luca all’inizio e per tutta la durata del suo mandato amministrativo non ha mai chiesto l’aspettativa dalla docenza della scuola media per non gravare sulle tasche dei cittadini che avrebbero dovuto corrispondergli nella eventualità contraria una cifra di gran lunga superiore a quella attualmente percepita.

Foto e informazioni tratte dal sito

www.comune.alberobello.ba.it

http://brunodeluca.blogspot.com

Potrebbe interessarti anche...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo accetti qualunque suo elemento ed acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione: