• Alberobello

    Storia Read More
  • Cultura

    Associazioni culturali, Gastronomia, Sport... Read More
  • 1
  • 2
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Volantino Festa 15 agosto 2018 lato A

Notiziario Madonna della Madia "Madonna di Cesare"

Carissimi devoti,

concittadini alberobellesi, coreggiani ed amici,

questa per me è la quinta festa rionale che celebro come rettore con voi e che mi ricorda quanto velocemente trascorra il tempo.

   La festeggiamo in tempi difficili per ristrettezze del presente e le apprensioni per il futuro. Certo la festa non risolve d’incanto i problemi che ci assillano ma ci offre uno spazio per sostare, riunirci insieme e guardare in alto, in modo da persuaderci che non siamo soli, che c’è SPERANZA in un futuro migliore il cui avvento dipende anche dal nostro impegno, dalla nostra inventività, esorcizzando la cupa rassegnazione come spesso Papa Francesco ci ha messo in allerta in questi anni del suo pontificato.

   Si sta avvicinando l’invito annuale della Madonna (14-15-16 agosto) ad alzare gli occhi su di Lei che a Cana si accorse per prima che stava per finire il vino che “rallegra il cuore dell’uomo” e ottenne da Gesù abbondante vino eccellente, per chiederle di ottenerci, attraverso Gesù, da Dio Padre, di essere liberati dai mali presenti e di ottenere tutto ciò che dà senso e pienezza alla nostra vita.

Chiediamo a Maria, Madre della speranza l’aiuto!

Rinunciamo a camminare da soli rischiando di essere accompagnati dall’orgoglio, dalla superbia, dall’arroganza e dalla presunzione cattivi compagni che c’ingannano, c’illudono e ci portano infelicità, sofferenza e angoscia. DESIDERIAMO la Pace del cuore! Maria, Vergine del mattino, in ogni aurora ci dia ogni giorno la possibilità di gioire e desiderare Gesù nostra unica speranza. Facciamo nostro le parole e una preghiera di un grande pastore e venerabile vescovo: don Tonino Bello.

   Santa Maria, donaci la gioia di intuire, pur tra le tante foschie dell'aurora, le speranze del giorno nuovo.

   Ispiraci parole di coraggio. Non farci tremare la voce quando, a dispetto di tante cattiverie e di tanti peccati che invecchiano il mondo, osiamo annunciare che verranno tempi migliori.

   Non permettere che sulle nostre labbra il lamento prevalga mai sullo stupore, che lo sconforto sovrasti l'operosità, che lo scetticismo schiacci l'entusiasmo, e che la pesantezza del passato ci impedisca di far credito sul futuro.

   Aiutaci a scommettere con più audacia sui giovani, e preservaci dalla tentazione di blandirli con la furbizia di sterili parole, consapevoli che solo dalle nostre scelte di autenticità e di coerenza essi saranno disposti ancora a lasciarsi sedurre. Moltiplica le nostre energie perché sappiamo investirle nell'unico affare ancora redditizio sul mercato della civiltà: la prevenzione delle nuove generazioni dai mali atroci che oggi rendono corto il respiro della terra.  

   Da' alle nostre voci la cadenza degli alleluia pasquali. Intridi di sogni le sabbie del nostro realismo. Rendici cultori delle calde utopie dalle cui feritoie sanguina la speranza sul mondo. Aiutaci a comprendere che additare le gemme che spuntano sui rami vale più che piangere sulle foglie che cadono. E infondici la sicurezza di chi già vede l'oriente incendiarsi ai primi raggi del sole.

 

Alberobello 22 luglio 2018

Buona festa!

don Stefano

Potrebbe interessarti anche...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo accetti qualunque suo elemento ed acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione: