• 1

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

michele longo foto

Al Santo Padre papa Francesco
Amatissimo papa Francesco, Le scrivo queste poche righe a nome della piccola Comunità di Alberobello, per rivolgerLe un invito e una preghiera.

Alberobello è un paese nato spontaneamente dalla forte volontà di donne e uomini che con determinazione e orgoglio hanno costruito le proprie case con le loro mani e il loro coraggio lì dove c'erano solo querce e boschi.

Usarono le pietre che faticosamente cavavano direttamente dalla terra e, lavorandole a mano, le assemblavano insieme in una geniale forma di archi-tettura per costruire i loro focolari con i tetti a cono; i Trulli, per raccogliere la preziosa acqua.

Tanto facevano perché erano stati chiamati nella nostra Selva dai Conti che ne avevano il potere.

In quegli anni nacque forte il culto dei santi medici Cosma e Damiano che divennero subito i Protettori di questa nuova Comunità .

Piano piano, le case divennero villaggio e, grazie all'intercessione anche di quattro preti, il 27 maggio 1797 il villaggio divenne paese libero dal servaggio feudale.

La nostra Comunità è da sempre simbolo di pace e di integrazione, che testimonia quotidiana-mente con la propria vita di paese ai milioni di visitatori che da tutto il mondo vengono a condividere con noi la magia di un villaggio di bambini, di donne e di uomini che si sorridono, si abbracciano e si integrano nel segno della fratellanza e della consapevolezza di appartenere a tutta l'Umanità del Mondo.

Al termine di questa piccola nota, Santo Padre. Le porgo umilmente l'invito e Le rivolgo una piccola preghiera.

Ad Alberobello, la mattina del 27 settembre di ogni anno, in occasione dei giorni di festa patro-nale per i santi medici Cosma e Damiano, si ripete da sempre l'emozione di fede che si rinnova e si accresce: la messa delle quattro del mattino. Il prelato che ha la gioia di celebrare la prima messa, affacciandosi sul sagrato della nostra Basilica Minore, trova ad attenderlo diecimila pellegrini che da tutti i paesi vicini, a piedi e nella notte, con fede e devozione, raggiungono il nostro paese per condividere con noi Alberobellesi la prima messa del mattino: è un'emozione stupenda per tutti, palpabile nell'aria e visibile negli occhi umidi di fede.

Santo Padre, sarebbe un sogno per gli Alberobellesi accoglierLa un giorno nelle nostre case a cono, nei nostri trulli e sarebbe un sogno per tutti i Fedeli vederLa sul sagrato della nostra Basilica la mattina del 27 settembre, quando la luna illumina i volti e asciuga le lacrime furtive dei credenti.

Vorremmo averLa tra noi, papa Francesco, e vorremmo pregare con Lei ad Alberobello.

L'aspettiamo con i cuori aperti alla fede e alla fratellanza dei popoli di tutto Mondo.

Alberobello, 8 maggio 2018

Michele Maria Longo
SINDACO DI ALBEROBELLO

 

Potrebbe interessarti anche...

Rivista La Festa 2018

Rivista La Festa 2018

SFOGLIA LA RIVISTA

DOWNLOAD

 

Rivista La Festa 2017

Rivista La Festa 2017

SFOGLIA LA RIVISTA

DOWNLOAD

 

Rivista La Festa 2016

Rivista La Festa 2016

SFOGLIA LA RIVISTA

DOWNLOAD

 

Rivista La Festa 2015

Rivista La Festa 2015

SFOGLIA LA RIVISTA

DOWNLOAD

 

Rivista La Festa 2014

Rivista La Festa 2014

SFOGLIA LA RIVISTA

DOWNLOAD

 

Rivista La Festa 2013

Rivista La Festa 2013

SFOGLIA LA RIVISTA

DOWNLOAD

 

Rivista La Festa 2012

Rivista La Festa 2012

SFOGLIA LA RIVISTA

DOWNLOAD

 

Rivista La Festa 2011

Rivista La Festa 2011

SFOGLIA LA RIVISTA

DOWNLOAD

 

Rivista La Festa 2010

Rivista La Festa 2010

SFOGLIA LA RIVISTA

DOWNLOAD

 

Rivista La Festa 2009

Rivista La Festa 2009

SFOGLIA LA RIVISTA

DOWNLOAD

 

Rivista La Festa 2008

Rivista La Festa 2008

SFOGLIA LA RIVISTA

DOWNLOAD

 

Rivista La Festa 2007

Rivista La Festa 2007

SFOGLIA LA RIVISTA

DOWNLOAD

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo accetti qualunque suo elemento ed acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione: